Giuseppe Garufo e Lorenzo Colombo Rhinos 2019

I protagonisti: intervista a Giuseppe Garufo e Lorenzo Colombo

Ufficio Stampa Prima Squadra

I playoff si avvicinano, e noi andiamo a conoscere i giocatori che stanno vivendo da protagonisti questa stagione 2019. Parliamo di Giuseppe Garufo, linebacker proveniente da Palermo, e Lorenzo Colombo, giovanissimo quarterback classe 2002 del vivaio nero arancio.

Giuseppe Garufo, linebacker

Ciao Giuseppe, sei al primo anno ai Rhinos, come ti trovi?

Ciao. Mi trovo molto bene. I Rhinos sono proprio un bel gruppo di giocatori, dirigenti e allenatori. Sin dal primo giorno sono stato accolto a braccia aperte, pronti a conoscermi dentro e fuori il campo. Sono felice di avere trovato questa realtà in quanto, venendo da Palermo per motivi lavorativi ero un po’ titubante sul poter continuare a giocare a Football Americano, volendo mettere il lavoro al primo posto! Poi con il passare dei giorni e settimane di allenamento, questo gruppo di persone sono diventate per me dei veri amici che mi hanno fatto sentire a casa. E ringrazio tutti di questo!

Ti immaginavi di essere uno dei LB più determinanti in questa stagione?

Sono contento di questo pensiero! I coach dal primo istante erano incuriositi e hanno puntato su di me! Grazie a loro mi sono inserito in un gruppo difensivo e soprattutto di Linebackers misto di veterani e giovani con cui è nata voglia di fare e crescere insieme. Onestamente non pensavo di riuscire a ritagliarmi uno spazio importante per la squadra, ma forse grazie al mio umorismo ho accellerato i processi di inserimento. Io non mi voglio considerare uno dei LBs più determinanti perché è solo grazie a tutti i piccoli ingranaggi che compongono un team che, a mio parere, siamo tutti determinanti. La stessa determinazione che ci ha portati ai playoff e che adesso non vediamo l’ora di giocare per puntare in alto. E di questo Ringrazio tutti!

Lorenzo Colombo, quarterback

Ciao Lorenzo, praticamente dall’Under16 all’esordio in prima squadra, con touchdown, come ti senti?

Sono molto emozionato per questo passaggio di categoria, dal flag Under 17 alla prima squadra. Sabato  si è presentata l’occasione di mettere alla prova le mie capacità e l’ho sfruttata. Prima della partita non mi aspettavo di stare in campo così a lungo dati i pochi allenamenti fatti con i miei compagni, però  quando sono stato chiamato in campo ho dato il massimo e spero di mantenere anche in futuro le prestazioni di questa partita e anche di migliorarle

Perché hai scelto di giocare a football, e perché nei Rhinos?

Ho iniziato a giocare a football ormai 7 anni fa nell’oratorio del mio quartiere a Gallarate, da allora ho sempre giocato nella mia squadra, il Gteam, fino all’anno scorso quando per svariati motivi la società si è sciolta. L’autunno scorso ho dovuto fare una scelta molto importante: decidere dove continuare la mia carriera sportiva, e visti i buoni rapporti che ho sempre avuto fin da piccolo con i rhinos e con diversi ragazzi che prima erano miei avversari e ora miei compagni ho scelto di venire a giocare qui. Sono stato accolto molto calorosamente e mi sono sentito subito parte della famiglia. Go Rhinos!